Pubblicità


 

 

 

 

Un sito e un libro per gli appassionati di trippa

Sull'onda del successo di "Troppa trippa", a grande richiesta abbiamo deciso di aprire un sito Internet interamente dedicato a quello che viene simpaticamente apostrofato come il "quinto quarto". Questa collezione di 398 pagine elettroniche si propone di raccogliere, integrare e presentare nuovo materiale, idee, notizie e ricette insolite - grazie anche alla preziosa collaborazione dei lettori - come parte del processo di pubblicazione delle prossime edizioni cartacee, coinvolgendo appassionatamente in una comunità virtuale tutti quelli che non battono ciglio di fronte alla trippa, anche se è troppa.


Il più recente Quaderno pubblicato

Tutti i Quaderni di TroppaTrippa.com


Gli articoli più letti

 Portafoglio di trippa - Durante i matrimoni fra Zulu la tradizione vuole che la sposa inserisca del denaro nello stomaco di una mucca macellata prima di poter entrare ufficialmente a far parte della nuova famiglia.
 Lo spettacolo deve continuare - Sulla pietra tombale di un cimitero inglese, pur lamentando la scomparsa del marito, la moglie approfitta della funesta occasione per promuovere la tripperia di famiglia, che resta aperta nonostante il lutto.
 Ma gli zampetti? - Nella collezione di cartoline del British Postal Museum & Archive di Londra ve n'è conservata una della fine dell'Ottocento nella quale la mittente si lamenta che la trippa non è buona senza gli zampetti di maiale.
 La trippa nella mitologia greca - Nella mitologia greca la trippa ricopre un ruolo di primo piano: a causa di un pezzo di trippa, Zeus tolse il fuoco agli uomini, creò la prima donna ed incatenò il titano Prometeo ad una roccia torturandolo per trenta anni.
 Una cena di trippa del 1883 - Un articolo apparso più di un secolo fa, venerdì 9 febbraio 1883, sul quotidiano statunitense "The Bourbon News" pubblicato a Paris nel Kentucky, riporta la notizia di una cena della Tripe League ("Lega della Trippa").


Since June 2008 - © Aerostato, Seattle - All Rights Reserved.